Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Radioastronomia Amatoriale (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=20)
-   -   Radiotelescopio (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=55946)

Antares76 03-12-14 00:57

Radiotelescopio
 
Salve, sto cercando in giro quante piu informazioni possibili sulla realizzazione di un radiotelescopio amatoriale.
Ho letto il libro di Falcinelli "Radioastronomia amatoriale",
sono astrofilo e quindi competente sul cielo da diversi anni,
ho la patente di radioamatore e diplomato come tecnico elettronico del computer, quindi un po di elettronica me ne intendo anche se prediligo l'elettronica digitale e non lavoro, aime, nel settore per cui ho studiato. Quindi ho prettamente esperienze hobbistiche.

Sono a conoscenza dell'esistenza dell'allettante kit di radioastrolab per le microonde, ma sono combattuto su cosa realmente costruire. E pongo qualche domanda specifica.

Con il suddetto kit e parabole non troppo grandi cosa si riesce realmente a fare? Guardando le cifre e considerando il mio attuale budget potrei stare su una parabola da 1 metro, al massimo 1,20 metri, ma vorrei capire quali sorgenti radio posso ricevere realmente? Solo sole e luna?

Per le mie conoscenze e per le radiosorgenti ricevibili mi incuriosisce molto la banda VHF e la modifica di apparati tv. Ma in rete ho trovato solo realizzazioni con antenne molto ingombranti e nasce il problema dello spazio disponibile. Un po di spazio cel'ho ma non per costruire un'array di dipoli 4x12metri, come ho trovato qua: http://www.astrofilitrentini.it/notiz/not18/radio.html

Quindi mi chiedevo se potrei usare una frazione del suddetto array con profitto, o se questo sia il minimo necessario per ricevere qualcosa. Ammesso anche che ho gia costruito dipoli e yagi, ma collegarne e adattarne 64 con successo la vedo una faccenda non poco complessa, anche se fattibile.

Inoltre ho notato che non si trova quasi nulla su array di dipoli medio piccoli, o array di yagi (2-4) per la realizzazione di radiotelescopi. Perche troppo piccoli o per via dei difetti di ricezione delle antenne yagi?

Grazie!

Antares76 06-12-14 18:07

Re: Radiotelescopio
 
Visite tante, ma nessuna risposta vedo. A vedere le date dei post, direi che questa sezione e' un tantino trascurata...

Grazie comunque a chi ha dedicato tempo alla lettura del post :)

Dark_Matter 06-12-14 18:12

Re: Radiotelescopio
 
se l'astronomia è una passione poco diffusa, la radioastronomia non ne parliamo... ti conviene contattare direttamente i pochi utenti che hanno scritto in questa sezione, ad esempio prova a mandare un messaggio o una mail ad andreab :mmh:

Cocco Bill 06-12-14 20:42

Re: Radiotelescopio
 
Eh si... questa sezione da diversi mesi non accoglieva un nuovo post... per cui è un pò abbandonata. Peccato.

AndreaB 23-12-14 21:58

Re: Radiotelescopio
 
Ciao Antares 76, praticare la radioastronomia amatoriale è un mix di pazienza e tenacia, non perché servano conoscenze sovrumane ma per il fatto che i risultati, modesti, si presentano molto diluiti nel corso delle esperienze e sempre troppo scarsi se paragonati all'immaginario proposto dai media con sistemi di antenna poderosi e pannelli di controllo pieni zeppi di strumenti sofisticati.
Dici di essere radioamatore e quindi conosci bene il vincolo che lega la lunghezza d'onda alla frequenza, a basse frequenze grandi antenne e se accoppiate in array occorre rispettare determinate distanze per non vanificare il lobo di radiazione.
La radioastronomia nella banda HF offre notevoli soddisfazioni se si dispone di spazio sufficienze, in VHF serve uno spazio minore ma certamente non basta un balcone mentre in SHF si può praticare anche in città, con una parabola di 1 metro si ricevono fino a 4-5 radiosorgenti.
A mio avviso il kit di Radioastrolab è un buon compromesso per iniziare.
Se vuoi ne possiamo parlare.
:hello:

astrotecnico 20-01-15 18:09

Re: Radiotelescopio
 
Antares76, vedo con piacere che avresti intenzione di iniziare a praticare la radioastronomia. Se sei radioamatore il passo da fare non è molto lungo. Essendo inoltre la tua preparazione scolastica di tipo elettronico, sia pure dal punto di vista informatico (perito informatico ?), questo dovrebbe facilitarti. Sono concorde con quanto ha detto l'amico AndreaB e aggiungo di mio che già per esempio con delle antenne loop yagi (bastano un paio) si può iniziare a ricevere qualche cosa. Sulla questione accoppiamento antenne trovi una notevole documentazione sia online sia sui manuali che parlano degli array di antenne dal punto di vista teorico e pratico.Tanto per citartene uno sull'RSGB VHF/UHF Manual (anni '70, ma ancora validissimo, reperibile anche in rete) trovi parecchie cose e anche dei progetti completi. Ovviamente essendo un manuale dedicato ai radioamatori i progetti che trovi sono per le classiche frequenze ham radio tipo i 430 e i 1296 MHz. Però basta scalare opportunamente le misure e tutto può essere adattato agevolmente. Sui 1420 Mhz si possono fare buone esperienze, come anche su 408 MHz. Questo con apparecchiature modeste.
Per ciò che riguarda i 10 GHz hai anche quì diverse possibilità, anche se, in tutta sincerità,a me sembrano meno entusiasmanti. Se hai bisogno di info di qualunque genere non fare complimenti e chiedi. Il mio scibile non è infinito, però qualche esperienza c'è .............
Il problema principale della radioastronomia è che bisogna costruire in proprio molto e questo frena tantissimo .......
Però, per esempio, fare una buona yagi per i 1420 non è impossibile: è più che altro una questione di volontà e anche, ovviamente, di tempo, che non è mai troppo per cose affascinanti !

AndreaB 21-01-15 18:22

Re: Radiotelescopio
 
Ciao Astrotecnico, una curiosità, a che punto sei con il ricevitore per i 408 MHz ?
:hello:

astrotecnico 22-01-15 10:42

Re: Radiotelescopio
 
Ciao, il 408 MHz è alla terza serie ........ Ho fatto anche un conveter sulla stessa IF, che è una 70 MHz, per i 1420. Sto provando il tutto. Sto anche lavorando sulla possibilità di raffredare il 1420 facilmente ad almeno - 20°C, che sono pochini però fanno. Io di mio ho un criostato e vado fino a - 60/70 °C, ma non ti dico le tribolazioni !!!
Ma io sono un come la famosa "fabbrica di S.Pietro" cioè con un lavorio perpetuo ! Il mio laboratorio è ormai disseminato di LNA, converter, filtri elicoidali e non, sintetizzatori, quarzi ecc ecc
Non so più neanche dove mettere la roba !

Sat 22-01-15 11:08

Re: Radiotelescopio
 
Premetto che di RadioAstronomia non so nulla ma per il resto è materia mia.

Mi chiedo e vi chiedo: ma non sarebbe il caso di abbandonare le vecchie radio analogiche e provare con l'SDR?
https://en.wikipedia.org/wiki/Software-defined_radio
Quali caratteristiche dovrebbe avere un ricevitore per RadioAstronomia?
Siete al corrente degli ultimi sviluppi in fatto di SDR?
Proviamo a capire se la cosa è fattibile.
Ciao

Il link riportato da Antares76 nel primo post di questo trhead richiama un veccio notiziario del 1999 che a sua volta parla di cose degli anni 70. Rispettaabilissime firme che ben conosco ma sono articoli molto datati.

AndreaB 22-01-15 12:27

Re: Radiotelescopio
 
Probabilmente si tratta solo di una coincidenza ma nei prossimi giorni avrei voluto cominciare a trattare questo argomento, almeno dopo le prime prove strumentali con una chiavetta tipo RTL2832U, ora in viaggio verso casa mia.
In effetti i ricevitori SDR presentano delle caratteristiche interessanti e se pensati per monitorare una singola porzione di banda sono pure facili da realizzare.
A dispetto di una parte hardware scarna e minimalista dispongono di una buona selettività e una dinamica totale difficilmente ottenibile con le classiche configurazioni tipo eterodina, a due o più conversioni.
P.S.
Di cosa ti occupi Sat ?


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 12:10.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it