Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

Sat 26-02-19 12:01

Re: Verso il default
 
La Germania detiene il più alto numero di brevetti nel campo tecnologico.
Ogni SmartPhone, di qualunque marca, che viene venduto nel mondo porta ricchezza alla Germania.
Lo volete capire da dove viene il divario?

meta 26-02-19 12:46

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 829520)
...
Che è colui che ha inventato il metodo sperimentale, su cui si fonda la scienza. Secondo questo metodo, un’affermazione è vera se è verificata dagli esperimenti e non se si basa sulla teoria scientifica conosciuta.
Gli esperimenti sono il banco di prova di un modello o una teoria: fino a quando la verificano, la teoria è vera; basta un solo esperimento che la contraddica per renderla falsa.

:hello:


eh la madonna! ma che sfondone. in economia e anche in un mucchio di altre scienze enormemente più semplici come la geologia, la metereologia etc. non è possibile "fare esperimenti" o almeno gli esperimenti su larga scala che sarebbero i più interessanti.
manca completamente la ripetibiltà, sia di quello che si vuole testare che del modello/esperimento che magari lo nega. è vero che basta un solo esperimento a negare una teoria, ma questo deve essere ripetibile a piacere.

il film dello sviluppo econocmico di un paese non si può riavvolgerere per tornare alla condizioni di partenza, cambiarle di un epsilon o addirittura di un euro per poi vedere come va. è per questo che mi riferivo alle trasformazioni irreversibili etc.

Mizarino 26-02-19 13:59

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 829520)
C'è forse qualcosa di meglio della pratica e dell'esperienza?:rolleyes:
...
Gli esperimenti sono il banco di prova di un modello o una teoria: fino a quando la verificano, la teoria è vera; basta un solo esperimento che la contraddica per renderla falsa.

Il punto è che qui l' "esperimento" consiste nel paragonare una situazione reale con una ipotizzata, per cui di "sperimentale" non c'è nulla. Per restare sul terreno sul quale ti sei messo, non vi è nulla di meno scientifico di una proposizione basata su eventi non riproducibili (visto che l'Italia non può tornare al 1999, non entrare nell'euro, e verificare il risultato).

aspesi 26-02-19 20:05

Re: Verso il default
 
1) Io mi rivolgevo a Sat che, mettendo il grassetto su "An empirical study" ne aveva tratto la convinzione che quello studio fosse farlocco ed inattendibile, perché appunto "empirico"

2) A sostegno delle mie idee, io ho il vizio di portare studi e ricerche, il più possibile rigorose e imparziali, quasi mai "di parrocchia".
Altri cosa portano, se non rispettabili, ma impalpabili opinioni personali?

3) Forse sarebbe utile leggere quel documento per intero (io non l'ho ancora fatto).
Comunque, confronti, verifiche, deduzioni, conferme e conclusioni possono essere fatte anche se gli esperimenti riguardano situazioni impossibili da riprodurre perfettamente, ma sono solo ragionevolmente affini.
(Le leggi della combinatoria e della probabilità valgono e si presentano anche se si ripetono gli esperimenti in posti, tempi e con strumenti diversi (purché i dadi siano bilanciati e le palline dell'estrazione del lotto siano intercambiabili :))

Mizarino 26-02-19 20:38

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 829535)
1)
2) A sostegno delle mie idee, io ho il vizio di portare studi e ricerche, il più possibile rigorose e imparziali, quasi mai "di parrocchia".
Altri cosa portano, se non rispettabili, ma impalpabili opinioni personali?

Con il trascurabile particolare che tu definisci "di parrocchia" qualsiasi articolo, opinione o studio che non sia in accordo con le tue opinioni in tema monetario.
Ciò che per contro è in accordo, diventa magicamente "rigoroso".
Se Monti esprime un suo pensiero, nella migliore delle ipotesi "delira", nella peggiore è un prezzolato servitore dei banchieri lussemburghesi.

La sola cosa certa in materie sdrucciolevoli come l'economia non riguarda l'economia, ma la psiche umana. L'attribuire la causa dei propri mali a fattori esterni è l'alibi degli incapaci per sfuggire alle proprie responsabilità, nonché l'artificio dei demagoghi per dare sfogo alle frustrazioni delle masse dando loro un nemico con cui prendersela.

meta 26-02-19 21:32

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 829535)
1) ...
(Le leggi della combinatoria e della probabilità valgono e si presentano anche se si ripetono gli esperimenti in posti, tempi e con strumenti diversi (purché i dadi siano bilanciati e le palline dell'estrazione del lotto siano intercambiabili :))


rileggiti, che ti scapperà da ridere.
la battaglia di waterloo, come quasi tutte le battaglie decisa da un'imprevisto, è ripetibile a tuo avviso?
lo studio presentato si basa sulla costruzione di un paese fittizio, composto da quote di paesi diversi tutti non euro, in modo che il suo PIl risultante avesse una forte (e probabilmente del tutto spuria) correlazione con l'andamento del PIL italiano per un certo numero di anni precedenti all'euro.



poi si è osservato come questo paese fittizio si è comportato nei venti anni successivi e lo si è confrontato con l'Italia.
questa è dabbnaggine pura, sia pure condita da sofisticate tecniche statistiche.

se ne valesse la pena, per la ripetibilità si dovrebbero costruire con le stesse ipotesi altri paese fittizi (cosa non impossibile) ma scommetterei che i risultati su una arco di vent'anni sarebbero tutti completamente diversi . dopo un anno magari no, ma poi divergerebbero velocemente.

meta 26-02-19 21:49

Re: Verso il default
 
la differenza è poi questa in fondo: gli invasati no euro mostrano sicurezza in tutto, non c'è controfattuale che li spaventi, loro sanno gli effetti di qualunque mossa, a distanza di un tempo qualunque: spostando un fante sarebbbe andata così etc. ah, se Napoleone li avesse avuti al suo fianco nella polvere della battaglia:)

quelli che invece sono certissimi che uscire qui e ora sarebbe la catastrofe, una questione ben diversa, specifica e delimitata e quindi affrontabile razionalmente, non si avventurano certo in sicurezze cosmiche, degne dell'osteria. Napoleone ha deciso ad intuito, ha perso ma chissà dove ha sbagliato.

Sat 26-02-19 22:14

Re: Verso il default
 
Quote:

aspesi (Scrivi 829535)
1) Io mi rivolgevo a Sat che, mettendo il grassetto su "An empirical study" ne aveva tratto la convinzione che quello studio fosse farlocco ed inattendibile, perché appunto "empirico"

empirico
Risultato del dizionario per empirico

/em·pì·ri·co/
aggettivo
1.
Fondato sui dati dell'esperienza immediata e della pratica, quindi estraneo al rigore scientifico e per questo generalmente sconsigliabile.
Quote:

aspesi (Scrivi 829535)
2) A sostegno delle mie idee, io ho il vizio di portare studi e ricerche, il più possibile rigorose e imparziali, quasi mai "di parrocchia".
Altri cosa portano, se non rispettabili, ma impalpabili opinioni personali?

Io non ho le competenze per smontare quello studio ma per esperienza di vita tendo a diffidare di tutto quello che è "gratuito".
Quello studio è di libero accesso, scaricabile da chiunque. Per farlo ci sono volute delle risorse di uomini e mezzi. Soldi che qualcuno ha messo sul piatto per diffondere un "pensiero" di politica economica.
Per cortesia, non venirmi a parlare di studi e ricerche imparziali altrimenti anche l'analisi costi benefici sulla TAV diventa una cosa seria.:D
Quote:

aspesi (Scrivi 829535)
3) Forse sarebbe utile leggere quel documento per intero (io non l'ho ancora fatto)...

Se mi fai capire l'utiltà di leggere quel documento ci potrei anche perdere del tempo.
L'EURO c'è, vive e lotta assieme a noi.
Sono stati fatti degli errori con l'intruduzione dell'Euro?
Probabile, possibile, quasi certo.
Ma a questo punto cosa volete?
Torniamo alla liretta che neanche i sovranisti pronunciano più?

meta 26-02-19 22:22

Re: Verso il default
 
questo studio è gratis perchè nessuno pagherebbe per averlo in esclusiva.

l'utilità di chi lo ha prodotto è probabilmente la effimera notorietà che lo sta accompagnando. ma poi non c'è bisogno di avere una spiegazione per tutto, è possibilissimo che la ricerca gli sia scappata di mano, aldilà delle loro intenzioni, senza dover ipotizzare malafede.

aspesi 26-02-19 22:27

Re: Verso il default
 
Quote:

meta (Scrivi 829539)
glia:)

quelli che invece sono certissimi che uscire qui e ora sarebbe la catastrofe,

Io, ora, non voglio assolutamente uscire.
L'ho ripetuto più volte.
Sostengo semplicemente che è stato un errore (per molti una iattura) entrarci 20 anni fa.

Ma io sono fondamentalmnte positivo ed ottimista; e sono certo che pian piano chi "puote" si accorgerà delle anomalie (che ho più volte rimarcato) e cambierà le regole.
E solo questione di tempo.


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 09:22.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it