Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia

Coelestis - Il Forum Italiano di Astronomia (http://www.trekportal.it/coelestis/index.php)
-   Il Bar dell'Osservatorio (http://www.trekportal.it/coelestis/forumdisplay.php?f=10)
-   -   Verso il default (http://www.trekportal.it/coelestis/showthread.php?t=40763)

Dark_GRB 12-12-11 21:16

Re: Verso il default
 
Ride bene chi ride ultimo, mi sa... anzi, dato che siamo in tema, he who laughs last, laughs best.

I britannici hanno un'economia che e' messa alquanto male (e se lo meritano), ma almeno possono svalutare la sterlina e stamparne. Cosa che hanno fatto, senza che gli sia cresciuta l'inflazione a dismisura.

Dark

aspesi 12-12-11 21:59

Re: Verso il default
 
Sono perfettamente d'accordo.
E i mercati, lo sanno.
Per questo non speculano contro la sterlina e il debito dell'Inghilterra, che dovrebbe costare almeno quanto quello dell'Italia, costa addirittura meno di quello della Germania.

Dark_GRB 12-12-11 22:07

Re: Verso il default
 
D'altra parte, pero', non si puo' nemmeno dire che la loro economia stia rilasendo o che stiano uscendo dalla crisi, purtroppo.

Dark

aspesi 12-12-11 22:21

Re: Verso il default
 
Forse, perché la crisi è insita nel loro (e nostro) sistema sociale-economico, di cui è una manifestazione ciclica (prima pagata con il colonialismo, ora, in parte, con la globalizzazione).

Sat 13-12-11 00:14

Re: Verso il default
 
Quote:

Dark_GRB (Scrivi 545967)
...I britannici hanno un'economia che e' messa alquanto male (e se lo meritano), ma almeno possono svalutare la sterlina e stamparne. Cosa che hanno fatto, senza che gli sia cresciuta l'inflazione a dismisura.

Dark

e cosa se ne fanno della svalutazione?
La loro economia non è manufatturiera, non lo è più. Buona parte del loro PIL è basato sulle banche, sulla finanza, le assicurazioni, i servizi e la speculazione. Tutta roba volatile come gli uccelli e se l'Europa tiene fede alle promesse e gli mette il sale sulla coda se la passeranno molto male. Oltretutto non avranno più la sponda degli Stati Uniti che non ha alcun interesse a mantenere rapporti privilegiati con un paese che non sta nell'Europa, che non partecipa alle decisioni dell'Europa. Perchè alla fine della fiera di questo si tratta. Isolamento. Son passati i tempi di quando il meteorologo della pomposa e pallosa BBC diceva che il continente era isolato causa nebbia.:D

Dark_GRB 13-12-11 00:23

Re: Verso il default
 
Quote:

Sat

[...]

e se l'Europa tiene fede alle promesse e gli mette il sale sulla coda se la passeranno molto male. Oltretutto non avranno più la sponda degli Stati Uniti che non ha alcun interesse a mantenere rapporti privilegiati con un paese che non sta nell'Europa, che non partecipa alle decisioni dell'Europa

[...]

Potrebbe anche nevicare ad Agosto, ma di solito... :rolleyes:

Dark

Dark_GRB 13-12-11 06:58

Re: Verso il default
 
Altro intervento sul tema...

Quote:


"Caro Romano, si parla sempre più apertamente di un possibile fallimento del progetto che ha portato alla valuta unica e di un ritorno alle valute nazionali. Mi sembrerebbe l'esito peggiore, ancor più di una ristrutturazione del debito pubblico. Siamo sicuri che un fiammingo vorrebbe la stessa valuta di un vallone? E un catalano quella di un madrileno? E nel nostro Paese il ritorno alla lira sarebbe accolto con lo stesso entusiasmo da Tarvisio a Trapani? I possibili sbocchi potrebbero essere estremi e l'eventuale creazione di due aree valutarie mi sembrerebbe inadeguata a contenere tensioni simili. In passato certe tensioni venivano «scaricate» anche scatenando guerre.
Alberto Zorzi , alberto.zorzi@tiscali.it

Lei ha ragione. Il ritorno alla vecchia moneta non avrebbe soltanto l’effetto di spaccare l’Eurozona. Avrebbe anche quello di creare pericolose divisioni all’interno dei suoi membri.
Giovedì 8 dicembre 2011

aleph 13-12-11 07:40

Re: Verso il default
 
In questa discussione continuo a leggere a destra e a manca che i paesi a moneta sovrana possono risolvere il problema della crisi (leggi calo dell'economia e dunque dei soldi) stampando moneta.

Ma veramente credete che sia un discorso sensato? Il fatto che oggi le monete non sono più costrette ad essere allineate con le riserve auree forse potrebbe far credere che la moneta sia diventata essa stessa un valore assoluto, ma questo ovviamente non può essere, sennò i problemi dello Zambia e del Senegal, per esempio, non esisterebbero più, una bella stampata di soldi et voilà diventano ricchissimi. Facile no?

La "libertà" di stampare moneta è strettamente correlata con tutta una serie di indici che rappresentano l'effettiva ricchezza di quel paese, cosa oggi più complessa del semplice calcolo delle disponibilità di beni di valore facili da capire come l'oro come si faceva una volta. Questa "libertà" di stampare moneta infatti è fondamentalmente soggetta al mercato mondiale dei cambi che determina il valore finale di quella moneta per la circolazione nelle altre economie, cosa che indica finalmente la vera ricchezza di quel paese.

Mi sa che questo bug si è insinuato quando Aspesi ha linkato quello stravagante scritto di quel tizio che se non sbaglio si chiama Rossi, intitolato qualcosa come Il più grande crimine del mondo, o qualcosa del genere. Follie pure, veramente non mi spiego come si possa dare credito a quei personaggi. :spaf:

argaiv 13-12-11 08:01

Re: Verso il default
 
Il problema è che questo decennio di euro ha già prodotto delle trasformazioni nel modo di lavorare, ovvero si comprano semi-lavorati in Paesi emergenti e si rivendono qua.

Se ora tornassimo ad una lira svalutata o ad un euro svalutato diventerebbe sempre più difficile rifornirsi in quei Paesi perchè le merci sarebbero molto meno a buon mercato assieme alle materie prime che ci costerebbero molto di più. Potrebbe tornare ad essere conveniente la manodopera italiana. Solo che non abbiamo più quel tessuto produttivo di 15/20 anni fa e questo farebbe chiudere anche quel poco che è rimasto... almeno inizialmente.

Il tutto in concomitanza ai problemi finanziari già noti e a quelli dovuti alla svalutazione.

Però la cosa più divertente è che comunque questo sistema all'europea non funziona e quindi stiamo rischiando il default che comporterebbe svalutazione... Per cui volenti o nolenti arriveremo lì...

aspesi 13-12-11 08:13

Re: Verso il default
 
Quote:

aleph (Scrivi 546011)
Mi sa che questo bug si è insinuato quando Aspesi ha linkato quello stravagante scritto
Follie pure, veramente non mi spiego come si possa dare credito a quei personaggi. :spaf:

Non è un bug.
Io non condivido totalmente quello che pensa Barnard.
Ma meno ancora le fesserie monetariste, costruite al traino del sistema liberista e dell'interesse dei banchieri.
Se a qualcuno interessa come la penso, basta leggere i miei contributi sull'argomento.

Per rendersi conto dell'insostenibilità (meglio, della follia) del sistema che a qualcuno invece pare normale, moneta a debito, creata solo e a discrezione di istituti prevalentemente privati, come le banche, basta questo paradosso:
Se la madre di Gesù, alla nascita del figlio, avesse preso in prestito un Penny al 4% d'interesse all'anno, nel 1750 avrebbe dovuto restituire una palla d'oro del peso della Terra...nel 2000, n° 9900 palle d'oro del peso della Terra ciascuna.
Evidentemente, l'esplosione del debito e le periodiche crisi di insolvenza sono nella "natura" stessa del castello.


Tutti gli orari sono GMT. Attualmente sono le 20:03.

Powered by vBulletin versione 3.6.7
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Traduzione italiana a cura di: vBulletinItalia.it